Piccolo Corso Biblico

La Bibbia

Il messaggio-paradigma

Pag.  4
1     2     3     4    

Il paradigma biblico Nell'AT
La Bibbia ebraica ( AT) è configurata come una storia, che ha un inizio e una fine. In questa storia ogni evento occupa una posizione precisa , è un fatto. Se guardiamo i fatti della Bibbia uno dopo l'altro vediamo che ciascun fatto rimanda al precedente e prospetta quello che segue.

Nella storia è presente un Progetto Divino che si sviluppa nel tempo e un Centro permette di coglierlo. Il centro della storia biblica che permette di coglierne la dinamica è il paradigma dell'Esodo. Alla base della Bibbia, di tutti i libri della Bibbia c'è la riflessione continua su questa esperienza storica fondamentale . Ogni libro parla all'uomo del progetto di Dio che si rivela nell'Esodo :
LA VITA, LA STORIA,  SI SVOLGE TRA UN INIZIO E UNA FINE , TRA UNA PROMESSA DIVINA E UN COMPIMENTO ED E' UN CAMMINO...

esodo

USCIRE... DA UNA CONDIZIONE DI SCHIAVITU' E MORTE SIMBOLO DI TUTTI I MALI
- CAMMINARE... INSIEME A DIO CON PIENA FIDUCIA IN LUI
ENTRARE LIBERI NELLA VITA INSIEME A LUI IN UNA FELICITA' STABILE E DEFINITIVA
Ogni parola divina , sia essa normativa, esortativa, consolatrice, sapienziale, è frutto della storia vissuta dalla comunità di Dio interpretata secondo il paradigma dell'esodo ed ogni volta che la Bibbia viene  letta, proclamata, essa tende a far agire la dinamica salvifica dell'Esodo.

L' esperienza  dell'Esodo è nell'AT il tema centrale nella professione di fede, nella preghiera, nella formazione religiosa, nei sermoni, nelle arringhe profetiche, nel culto (la Pasqua), etc.

Nella riflessione continua sulla storia di Israele ogni esodo si rivela come un nuovo inizio, l'inizio di una nuova storia // una nuova creazione : applicandolo a livello cosmico esso rivela Dio come signore della storia// creatore di tutto .

L'Esilio, il controesodo. Nella storia di Israele si ritrova l'esperienza dell'Esilio . E' l'uscita dalla Terra di vita insieme a Dio , il cammino sotto il giogo del Nemico, l'entrata in schiavitu'. L'insegnamento di Dio:

Dt 6,12 guardati dal dimenticare l'Eterno che
ti ha fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù.

La risposta di Israele:

Ger 7,24 Ma essi non ascoltarono né prestarono orecchio; anzi procedettero secondo l'ostinazione del loro cuore malvagio e invece di voltarmi la faccia
mi han voltato le spalle,Israele , l'uomo, quando volta le spalle a Dio, cammina nella direzione opposta a quella dell'esodo : è il controesodo, l'uscita dalla libertà e l'entrata nella schiavitu'.

controesodo

L'esperienza di vita in relazione ( alleanza) con Dio ( la Legge) riletta ad ogni " oggi" della storia ( i Profeti) e compresa entro la creazione-storia universale ( gli Scritti) , cioè la Bibbia Ebraica , annuncia l'opera salvifica archetipica di Dio , l'esodo , la liberazione .
A questa opera l'uomo può collaborare oppure contrastarla e gli esiti sono diversi:
- il compimento , la vita eterna insieme a Dio in Palestina ( cf Dn)
- il fallimento, la morte eterna della separazione da Dio, dalle Sue benedizioni.

L'esodo viene vissuto storicamente in Egitto, in Assiria, a Babilonia e rivela Dio come salvatore e Israele, l' uomo , come peccatore. Fino a quando?

paradigmastorico
Applicando alla storia il paradigma esodo-controesodo e richiamando la promessa profetica di un Regno di Dio definitivo ( Voi sarete il mio popolo ed Io il vostro Dio .. per sempre) , Israele si attende una salvezza definitiva dal male , dai nemici e dalla morte come compimento della creazione-storia o Regno di Dio.

La storia umana ha avuto un inizio, la Creazione ed avrà una fine con il Compimento della Creazione o Regno di Dio. Secondo la Bibbia Ebraica questo compimento introdurrà Israele in una situazione definitiva in una Palestina rinnovata in cui gli altri popoli gli saranno ( da Dio) sottomessi. Sarà così?

Il messaggio del canone AT La struttura del Canone ebraico rimanda al paradigma dell'esodo come centro ermeneutico .

centro canone


LA LEGGE- TORAH E' IL PASSATO.

La Legge, la  Torah , è la parola divina del passato.E il passato è normativo, legge.

Nel passato Dio ha parlato. La sua parola è normativa per ogni generazione del suo popolo.

La Torah è una chiamata rivolta alla libertà di ogni generazione salvata da Dio, liberata dai nemici.

A seconda della risposta (collaborativa od oppositiva) alla chiamata Dio si avranno diversi esiti possibili :

- l'esodo dalla schiavitù al Nemico verso la libertà della vita insieme a Dio nella Palestina.
-
l'esodo dalla Terra della vita iniseme a Dio  (controesodo) verso la schiavitù al Nemico.

I PROFETI- NEBIM
SONO PER IL PRESENTE


I Profeti sono la parola divina che interviene sul momento storico, è la parola per il  presente.

Il presente è  prova ,tentazione. Nel presente della storia la parola di Dio viene continuamente proclamata dai suoi profeti perchè guidi il suo popolo.

E' una esortazione rivolta alla libertà di ogni generazione che cammina nella prova e anche un giudizio sul presente con relativa sentenza.

A seconda della risposta del popolo alla chiamata di Dio ( la FEDE) le stentenze avranno  esiti diversi:
- il cammino verso la Palestina a carico di Dio  che è una prova di fedeltà alla vita di grazia..
- il cammino verso la schiavitù fuori dalla vita di grazia.

GLI SCRITTI- KETUBIM
SONO PER IL FUTURO

Gli scritti sono la sapienza di Israele canonizzata per tutte le future generazioni.


Sono la parola divina per ogni tempo della storia, la sapienza che Dio ha dato al suo popolo , data per sempre a tutti i popoli.

La risposta umana a questo dono può avere esiti diversi:

- se la acquisti esodi dalla stoltezza e cammini nel progetto salvifico universale di Dio
- Se la rifiuti esodi dalla libertà e cammini nelle tenebre e prima o poi cadi nella Fossa dei morti (Sheol) per sempre.



Il paradigma biblico nel Nuovo Testamento Nel Vangelo di Gv ritroviamo il linguaggio dell'esodo.

Giov 8,14 So da dove vengo e dove vado.
Giov 7,29
vengo da lui ed egli mi ha mandato».
Giov 8,42 perché
da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato.
Giov 7,33 «Per poco tempo ancora rimango con voi,
poi vado da colui che mi ha mandato.

Si tratta dell'esodo di Gesù.

L'esodo di Gesù Il Centro ermeneutico del NT è l'esodo di Gesù. Gesù è uscito dalla divinità ( vengo dal Padre) ed è entrato nella umanità e nella storia. Ha camminato nella storia insieme agli uomini, ha dato loro se stesso, Parola Divina :
- Luce per il loro cammino,
- Spirito-Vita divina Le mie parole sono Spirito e sono Vita ( zoe) , guarigione compimento, pienezza della loro umanità
- Forza-Pane per sostenerli nel cammino.
Condannato a morte dal suo popolo, è stato crocifisso ed è uscito dal mondo-tempo risorgendo da morte .

L'esodo dello Spirito nei credentiSulla croce il suo Spirito è uscito da Lui per entrare nei credenti rendendoli partecipi della natura divina , facendoli UOMINI , dando loro la condizione divina, per camminare con loro e compiere il loro essere (UOMINI COMPIUTI) ; e farli uscire dalla morte biologica risorgendoli e farli entrare nella condizione di UOMINI COMPIUTI E DEFINITIVI.

L'esodo dei credenti I credenti , con l'iniziaizione cristiana , sono usciti dalla loro condizione di schiavitù della morte-peccato, sono entrati nella Vita dell'eterno, nel Regno di Dio. Sono UOMINI, hanno la condizione divina, camminano nella storia fino al loro compimento definitivo ; nella morte risorgono, escono dal mondo-tempo ed entrano nell'eterno, definitivamente .( UOMINI COMPIUTI DEFINITIVI) .

Esodo e controesodo Tutto ciò è pura grazia-Dono di Dio che è data nella condizione di una Nuova Alleanza :
- se i credenti, divenuti UOMINI , camminano in Gesù, nel Suo Spirito//Vita perseverando fino alla fine della loro vita , essi saranno UOMINI COMPIUTI e risorgeranno UOMINI DEFINITIVI.
- se si separeranno da Gesù, perderanno lo Spirito//VIta e cammineranno incontro al fallimento del loro essere.








top



Pag.   4
1     2     3     4    

home


DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY