Piccolo Corso Biblico

STORIA DELLA SALVEZZA

La Pasqua



index INDICE

    


powered by FreeFind





La Pasqua ebraica
1 Eso 12,1 Il Signore disse a Mosè e ad Aronne nel paese d'Egitto: 2 «Questo mese sarà per voi l'inizio dei mesi, sarà per voi il primo mese dell'anno. 3 Parlate a tutta la comunità di Israele e dite: Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa. 4 Se la famiglia fosse troppo piccola per consumare un agnello, si assocerà al suo vicino, al più prossimo della casa, secondo il numero delle persone; calcolerete come dovrà essere l'agnello, secondo quanto ciascuno può mangiarne. 5 Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, nato nell'anno; potrete sceglierlo tra le pecore o tra le capre 6 e lo serberete fino al quattordici di questo mese: allora tutta l'assemblea della comunità d'Israele lo immolerà al tramonto. 7 Preso un po' del suo sangue, lo porranno sui due stipiti e sull'architrave delle case, in cui lo dovranno mangiare. 8 In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con azzimi e con erbe amare. 9 Non lo mangerete crudo, né bollito nell'acqua, ma solo arrostito al fuoco con la testa, le gambe e le viscere. 10 Non ne dovete far avanzare fino al mattino: quello che al mattino sarà avanzato lo brucerete nel fuoco. 11 Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. È la pasqua del Signore! 12 In quella notte io passerò per il paese d'Egitto e colpirò ogni primogenito nel paese d'Egitto, uomo o bestia; così farò giustizia di tutti gli dèi dell'Egitto. Io sono il Signore! 13 Il sangue sulle vostre case sarà il segno che voi siete dentro: io vedrò il sangue e passerò oltre

[E’ la Pasqua: il " Passaggio di Dio " che salva il suo popolo dalla maledizione.]

non vi sarà per voi flagello di sterminio, quando io colpirò il paese d'Egitto. 14 Questo giorno sarà per voi un memoriale; lo celebrerete come festa del Signore: di generazione in generazione, lo celebrerete come un rito perenne. 15 Per sette giorni voi mangerete azzimi. Già dal primo giorno farete sparire il lievito dalle vostre case, perché chiunque mangerà del lievitato dal giorno primo al giorno settimo, quella persona sarà eliminata da Israele. 16 Nel primo giorno avrete una convocazione sacra; nel settimo giorno una convocazione sacra: durante questi giorni non si farà alcun lavoro; potrà esser preparato solo ciò che deve essere mangiato da ogni persona. 17 Osservate gli azzimi, perché in questo stesso giorno io ho fatto uscire le vostre schiere dal paese d'Egitto; osserverete questo giorno di generazione in generazione come rito perenne. 18 Nel primo mese, il giorno quattordici del mese, alla sera, voi mangerete azzimi fino al ventuno del mese, alla sera. 19 Per sette giorni non si troverà lievito nelle vostre case, perché chiunque mangerà del lievito, sarà eliminato dalla comunità di Israele, forestiero o nativo del paese. 20 Non mangerete nulla di lievitato; in tutte le vostre dimore mangerete azzimi». 21 Mosè convocò tutti gli anziani d'Israele e disse loro: «Andate a procurarvi un capo di bestiame minuto per ogni vostra famiglia e immolate la pasqua. 22 Prenderete un fascio di issòpo, lo intingerete nel sangue che sarà nel catino e spruzzerete l'architrave e gli stipiti con il sangue del catino. Nessuno di voi uscirà dalla porta della sua casa fino al mattino.

Il rito
I pastori nomadi Abramiti in primavera in occasione della transumanza usavano uccidere un agnello, spargere il sangue come rito apotropaico sugli stipiti delle tende e poi consumarlo.
Connessa con questa usanza era , presso gli Abramiti sedentarizzati, agricoltori, il rito degli azzimi.

Il primo raccolto dell'orzo veniva fatto a primavera e con esso si faceva il lievito nuovo e si gettava il vecchio. Il passaggio dal pane con il lievito vecchio a quello con il nuovo era segnato da un pane senza lievito, azzimo.

La Primavera segnava l'inizio del nuovo anno agrario e si offrivano le primizie a Dio tra cui i nuovi pani e il primo succo, il vino (forse di frutta).

Le feste -dell'agnello -degli azzimi -delle primizie venivano celebrate il 1° novilunio di primavera e facevano memoria delle origini degli ebrei.

Gli antichi simboli e significati agrari :



I nuovi simboli e significati per gli ebrei. La notte dell'Esodo avvene proprio durante quei riti e la Pasqua, il memoriale del "passaggio di Dio li incorpora con nuovi significati.



Gli azzimi segnano il passaggio dal vecchio lievito del pane della schiavitù al nuovo lievito del pane della Palestina. Essi vengono consumati nella settimana prima della Pasqua.
Le primizie non sono solo quelle agricole ma sono i nuovi figli nati nell'anno che nella festa vengono consacrati a Jhwh. Nel rito partecipano all'Esodo ed entrano nel popolo dei salvati.
Il nuovo pane viene benedetto perchè mangiandolo tutte le generazioni della famiglia entrino nella vita insieme a Dio in Palestina. Al pane viene aggiunto il vino perchè il popolo salvato gioisca della salvezza ricevuta nel memoriale.

L'agnello non è più per allontanare il maligno dal gregge e propiziarsi lo spirito di fertilità : esso diventa nella Pasqua l'offerta sacrificale per propiziarsi il perdono e la purificazione del popolo dalla contaminazione del male commesso, i peccati.

Eso 12,1 Il Signore disse a Mosè e ad Aronne nel paese d'Egitto: 2 Questo mese sarà per voi l'inizio dei mesi, sarà per voi il primo mese dell'anno. Parlate a tutta la comunità di Israele e dite: Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa.

Il rito si celebra ogni anni nel primo novilunio di primavera , in famiglia: ogni famiglia si prepara a ricevere il passaggio di Dio con la sua salvezza-benedizione. La celebrazione comunitaria precede il sacrifico di un agnello per l’espiazione dei peccati del popolo.

I nuovi significati nel cristianesimo

Proprio durante la Pasqua ebraica viene crocifisso Gesù, profetizzato e riconosciuto dai cristiani come Agnello di Dio. La Pasqua ebraica rimanda a quella cristiana in cui i simboli assumeranno, naturalmente, nuovi significati






top






home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY