Piccolo Corso Biblico

STORIA DELLA SALVEZZA
index INDICE

I miti biblici
Storie emblematiche
Il diluvio universale


Pag.  4
 1   2   3   4  
    


powered by FreeFind




L'alleanza cosmica : uomo creatore e uomo distruttore L'alleanza cosmica La creazione è rivelazione divina come evento incessante che tende all'ordine, all'armonia ed alla felicità ( shalom) di tutte le creature, al loro compimento nella perfezione o salvezza..

Il dominio//cura dell'universo da parte dell'uomo si deve svolgere nei limiti di una alleanza cosmica : Dio crea incessantemente per portare le creature a compimento e per l'uomo 'cè una istruzione divina , una Torah ( una Legge Morale Naturale ). Se l'uomo la osserva egli vive//crea se stesso, riceve tutte le benedizioni divine , altrimenti l'universo vacilla, si caotizza ed è la decreazione , anche sua ( disumanizzazione). 

Gn 6,5 Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra
// e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male.
6 E il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo.
7 Il Signore disse:
«Sterminerò dalla terra l'uomo che ho creato:
con l'uomo anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perché sono pentito d'averli fatti».


La creazione è storia di salvezza; la storia è creazione e purtroppo anche decreazione per opera dell'uomo. L'ordine cosmico , evento storico di cui Dio è garante è connesso con l'ordine morale .
L'uomo con il venir meno al suo compito originale scatena la decreazione, così il rapporto dell'uomo con il mondo , che è storico , viene sottomesso a possibili variazioni, sia per il meglio che per il peggio.

De 4,23 Guardatevi dal dimenticare l'alleanza che il Signore vostro Dio ha stabilita con voi...
26 io chiamo oggi in testimonio contro di voi il cielo e la terra:
voi certo perirete, scomparendo dal paese di cui state per prendere possesso oltre il Giordano.
Voi non vi rimarrete lunghi giorni, ma
sarete tutti sterminati.

L'uomo ricapitola in se stesso tutto il cosmo e quando pecca, rompe l'alleanza , decrea l'universo e decrea se stesso.

La maledizione universaleLa riflessione biblica : Dio ha creato l’uomo facendo con l’umanità una alleanza , l'alleanza dell'Eden. L’uomo rompe subito l’alleanza (peccato) e viene esiliato dall'Eden. Perde le benedizioni divine, deve arrangiarsi per vivere, errabondo su una terra sconvolta, senza i favori di Dio, fa l’esperienza della sofferenza, della morte. Da allora l’umanità ha continuato a peccare, sotto la maledizione universale, conseguenza della rottura dell’alleanza.

La violenzano Il peccato si manifesta nella storia e la sua espressione più forte è la violenza omicida.

Gen 6,5 Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male. 6 E il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo.7 Il Signore disse: «Sterminerò dalla terra l'uomo che ho creato: con l'uomo anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perché sono pentito d'averli fatti».8 Ma Noè trovò grazia agli occhi del Signore. 13 Allora Dio disse a Noè: «È venuta per me la fine di ogni uomo, perché la terra, per causa loro, è piena di violenza; ecco, io li distruggerò insieme con la terra.14 Fatti un'arca di legno di cipresso…


17 Ecco
io manderò il diluvio, cioè le acque, sulla terra, per distruggere sotto il cielo ogni carne, in cui è alito di vita; quanto è sulla terra perirà.

La terra, l’asciutto che Dio ha separato dalle acque prmordiali ( Gn 1,1ss) torna ad essere ricoperto dalle acque : è il diluvio universale.

La riflessione sapienziale di Israele sulla storia vede in essa un segno : la maledizione che segue il peccato puo’ giungere ad un culmine, la decreazione universale.
La benedizione universale L’universo è sconvolto dal peccato dell’uomo e tutti gli esseri devono perire, ma Dio si ricorda della alleanza cosmica e di sua iniziativa interviene con una salvezza : una benedizione universale che salvi l’umanità e tutti gli esseri viventi dalla maledizione.

18 Ma con te io stabilisco la mia alleanza. Entrerai nell'arca tu e con te i tuoi figli, tua moglie e le mogli dei tuoi figli.19 Di quanto vive, di ogni carne, introdurrai nell'arca due di ogni specie, per conservarli in vita con te: siano maschio e femmina.

Noè , i suoi figli e nipoti, una coppia di ogni specie vivente sopravvive al Diluvio. La Terra ora è abitata da una generazione di giusti.
Si prospetta una storia di felicità per tutti.

Alla base della storia agisce il peccato universale dell’uomo e la conseguente maledizione. Ma nella storia, anche dopo il peccato degli uomini, una benedizione divina universale chiama ad una alleanza universale , alla salvezza tutti gli esseri viventi. E’ l’alleanza che Dio ha fatto con Noè e i suoi discendenti, l’umanità sopravvissuta al Diluvio.noe
PROMESSE

Gen 8,21 Il Signore ... pensò: Non maledirò più il suolo a causa dell'uomo,
perchè l'istinto del cuore umano è incline al male fin dalla adolescenza;
non colpirò più ogni essere vivente come ho fatto.22 Finchè durererà la terra: seme e messe, freddo e caldo, estate e inverno, giorno e notte non cesseranno.
Gn9, 9 Quanto a me,
ecco io stabilisco la mia alleanza con i vostri discendenti dopo di voi;10 con ogni essere vivente che è con voi, uccelli, bestiame e bestie selvatiche, con tutti gli animali che sono usciti dall'arca.11 Io stabilisco la mia alleanza con voi: non sarà più distrutto nessun vivente dalle acque del diluvio, nè più il diluvio devasterà la terra.

ISTRUZIONI

Gen 9,1 Dio benedisse Noè e i suoi figli e disse loro: Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite la terra.2 Il timore e il terrore di voi sia in tutte le bestie selvatiche e in tutto il bestiame e in tutti gli uccelli del cielo. Quanto striscia sul suolo e tutti i pesci del mare sono messi in vostro potere .3 Quanto si muove e ha vita vi servirà di cibo: vi do tutto questo, come già le verdi erbe…7 E voi, siate fecondi e moltiplicatevi, siate fecondi sulla terra e dominatela..
(riprende l’alleanza dell’Eden: Gn 1,28)
Gn9,4 Soltanto non mangerete la carne con la sua vita, cioè il suo sangue.
5
Del sangue vostro anzi, ossia della vostra vita, io domanderò conto;
ne domanderò conto ad ogni essere vivente
e domanderò conto della vita dell'uomo all'uomo, a ognuno di suo fratello
.
6 Chi sparge il sangue dell'uomo dall' uomo il suo sangue sarà sparso
,perchè ad immagine di Dio Egli ha fatto l'uomo.


IL SEGNO

Gn1, 12 Dio disse:Questo è il segno dell'alleanza,che io pongo tra me e voi e tra ogni essere vivente che è con voi per le generazioni eterne.13 Il mio arco pongo sulle nubi ed esso sarà il segno dell'alleanza tra me e la terra.
14 Quando radunerò le nubi sulla terra e apparirà l'arco sulle nubi 15 ricorderò la mia alleanza che è tra me e voi e tra ogni essere che vive in ogni carne e noi ci saranno più le acque per il diluvio, per distruggere ogni carne.16 L'arco sarà sulle nubi e io lo guarderò per ricordare l'alleanza eterna tra Dio e ogni essere che vive in ogni carne che è sulla terra. 7 Disse Dio a Noè: Questo è il segno dell'alleanza che io ho stabilito tra me e ogni carne che è sulla terra.


Questa è la riflessione sulla storia degli inizi del mondo che i sapienti ebrei fanno durante il loro esilio a Babilonia. La domanda pressante era : c'è una alleanza precedente a quella di Abramo ( da noi rotta) che è ancora attiva nella storia?

Il racconto babilonese sul diluvio universale fa scoprire ai teologi ebrei l'azione salvifica di Jhwh : Isarele è discendente dei popoli semiti, il cui capostipite è Sem , figlio di Noè, quindi la storia di Israele è ancora sotto la promessa-benedizione divina data a Noè. Israele esiliato può sperare in un nuovo intervento salvifico di Dio.Gen 10,1 Questa è la discendenza dei figli di Noè: Sem, Cam e Iafet, ai quali nacquero figli dopo il diluvio. 2 I figli di Iafet: Gomer, Magog, Madai, Iavan, Tubal, Mesech e Tiras….Tarsis, quelli di Cipro e quelli di Rodi. 5 Da costoro derivarono le nazioni disperse per le isole nei loro territori, ciascuno secondo la propria lingua e secondo le loro famiglie, nelle loro nazioni. 6 I figli di Cam: Etiopia, Egitto, Put e Canaan. 8 Ora Etiopia generò Nimrod..10 L'inizio del suo regno fu Babele, Uruch, Accad e Calne, nel paese di Sennaar. 11 Da quella terra si portò ad Assur e costruì Ninive, 13 Egitto generò quelli di Lud, Anam, Laab, Naftuch,14 Patros, Casluch e Caftor, da dove uscirono i Filistei. 15 Canaan generò Sidone, suo primogenito, e Chet16 e il Gebuseo, l'Amorreo, il Gergeseo,17 l'Eveo, l'Archita e il Sineo,18 l'Arvadita, il Semarita e l'Amatita. In seguito si dispersero le famiglie dei Cananei.19 Il confine dei Cananei andava da Sidone in direzione di Gerar fino a Gaza, poi in direzione di Sòdoma, Gomorra, Adma e Zeboim, fino a Lesa. 21 Anche a Sem, …, fratello maggiore di Jafet, nacque una discendenza. 22 I figli di Sem: Elam, Assur, Arpacsad, Lud e Aram.
Gen 11,11 Sem, dopo aver generato Arpacsad, visse cinquecento anni e generò figli e figlie. 24 Nacor aveva ventinove anni quando generò Terach;25 ..26 Terach aveva settant'anni quando generò Abram, Nacor e Aran.
Gen 10, 31 Questi furono i figli di Sem secondo le loro famiglie e le loro lingue, territori, secondo i loro popoli. 32 Queste furono le famiglie dei figli di Noè secondo le loro generazioni, nei loro popoli.
Da costoro si dispersero le nazioni sulla terra dopo il diluvio.


Peccheranno ancora gli uomini?

Il progetto divino di salvezza si disvela nella storia: mentre gli imperi politico-religiosi (mattoni-città , torre-pantheon) cadono, l’Impero di Dio si fa strada attraverso le alleanze. Nella storia di alcuni popoli si rivela una benedizione divina, in altri una maledizione.

L’umanità dopo Noè pecca ancora e sopraggiunge una nuova maledizione. Solo Sem, figlio di Noè, è giusto ed eredita la benedizione.


Gli ebrei sarebbero tra i discendenti di Sem (= Semiti) ed eredi della benedizione divina : Adamo--->Noè--->Sem. Tutti gli altri popoli sarebbero eredi della maledizione divina  data a Cam ed a Jafet. Dio sceglie tra i semiti Abramo, si rivela a lui facendo un patto, una alleanza con lui e con tutti i suoi discendenti.




Le "strutture umane " di decreazioneLa creazione//salvezza divina agisce -nella storia- in modo inseparabile da quella umana:
- l’uomo che pratica la giustizia (la legge morale naturale) rende visibile l’ordine divino e lo percepisce come armonia, Kosmos ;
- l'uomo che agisce contro la legge morale naturale introduce nell'universo forze negative che tendono a sconvolgerlo e in se stesso apre una percezione del mondo come Kaos.

I fenomeni naturali avversi sono visti dai profeti di Israele come manifestazione della “ira” di Dio, antropomorfismo che indica la incompatibilità del male commesso dall'uomo con il disegno creativo salvifico di Dio.

La diastasi e la decreazione Quando il cosmo viene sconvolto nell'uomo a causa del peccato si realizza in lui una diastasi , uno sdoppiamento tra l’ordine creativo divino e l’esperienza del mondo che fa l’uomo: l’uomo allora vede il mondo come un disordine minaccioso, crudele e nemico , non riesce più a scorgervi il Dio che crea-salva. L’uomo perde la visione del “ volto di Dio”: la giustizia di Dio permane ma l’uomo ne perde la visione

Is 45, 15 Veramente tu sei un Dio nascosto, Dio di Israele, salvatore.

Dio diventa “nascosto” e il mondo indomabile. In questo modo tutto ciò che l'uomo fa diventa attività che contiene forze di decreazione. Accecato, l'uomo costruisce il suo vivere, le società ,creando strutture di decreazione, abitudini, culture, tradizioni che contengono forme di vita immorali, strutture di decreazione.
Dio non ha creato il male . Le catastrofi naturali ( terremoti, alluvioni, caduta di meteoriti, etc.) fanno parte dell'armonia cosmica che non è statica, definitiva ma è creazione-storia che va verso il suo compimento nell'Uomo Definitivo. Sono le forze distruttrici stesse del cosmo.
Nei racconti biblici questi eventi sono messi in relazione con l'Alleanza cosmica e con il peccato degli uomini. E' teologia non geologia o metereologia. L'uomo e il cosmo non sono entità separate ma il cosmo è tutto nell'uomo e aspira a diventare -nell'Uomo- Cosmo, Ordine Definitivo .

Quanto più gli uomini stabilizzano il loro modo di vivere immorale in strutture sociali, istituzioni, tradizioni , tanto più decreano se stessi e il cosmo che è in loro destinandolo alla decreazione.
E' così che tutti i "Regni", gli imperi e le società di questo mondo contengono e riproducono forze di decreazione, di caotizzazione del cosmo nell'uomo: aborto, omicidio, edonismo, eutanasia, ingiustizia sociale, individualismo, egoismo, libertinismo,materialismo, etc.

La speranza teologale
anL'universo tende all'armonia, all'ordine, ma viene sconvolto dalle forze decreatrici scatenate dal peccato degli uomini .

Corruzione, violenza, catastrofi suonano per l’uomo come condanna per la sua immoralità, per l'esercizio della trasgressione della Legge Morale Naturale, ma l’”udienza presso Dio, il “volto di Dio” rimangono sempre alla sua portata ; Dio è sempre impegnato all’alleanza e l'uomo è sempre in tempo a cambiare condotta e chiedere salvezza a Dio.

Se gli uomini tornano all'alleanza con Dio essi possono ottenere da Dio purificazione e santificazione e Dio è sempre pronto ad intervenire per riportare  l’ordine e salvare gli uomini delle catastrofi decreative.
La creazione-salvezza divina torna a “manifestarsi” all'umanità dell'alleanza ( simbolo: l'arcobaleno dopo il diluvio) ed essa coinvolge anche il mondo, non più sconvolto e minaccioso ma armonioso di una armonia impensabile :

Is 5,17 : ecco Io creo cieli nuovi e nuova terra…
Is 11, 6 Il lupo dimorerà insieme con l'agnello,
la pantera si sdraierà accanto al capretto;
il vitello e il leoncello pascoleranno insieme
e un fanciullo li guiderà.
7 La vacca e l'orsa pascoleranno insieme;
si sdraieranno insieme i loro piccoli.
Il leone si ciberà di paglia, come il bue.
8 Il lattante si trastullerà sulla buca dell'aspide;
il bambino metterà la mano nel covo di serpenti velenosi.
9 Non agiranno più iniquamente né saccheggeranno
in tutto il mio santo monte
perché la saggezza del Signore riempirà il paese
come le acque ricoprono il mare.





top






DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY